LA FILOSOFIA

del Ristorante


La nostra idea è quella di un luogo in cui i nostri ospiti possano mangiare bene, in un ambiente denso di ricordi e perfetto per rilassarsi. La filosofia del Ristorante Villa la Bianca si basa quindi su tre pilastri: il regionale, lo stagionale e il “tocco in più”, quello che lo Chef Pasquale Lisanti cerca di darvi. É per questo che sul nostro menu cercheremo di proporvi piatti della nostra tradizione, con materie prime di stagione e con prevalenza di prodotti locali, magari rivisitandoli senza snaturarne le radici. Anche la nostra cantina, disegnata per accompagnare al meglio il menù, contiene una selezione di vini regionali e di piccole cantine, che secondo noi vale la pena di scoprire insieme.
LA CUCINA

del Ristorante


La nostra cucina, all'insegna di una sana innovazione, non potrà mai prescindere dalla nostra tradizione culturale e gastronomica e dalla ricercatezza e selezione delle materie prime. I menù proposti rispetteranno la stagionalità degli ingredienti, valorizzeranno il territorio Toscano e le molteplici esperienze dello Chef. Lo Chef, come un alchimista, proporrà dei piatti che fonderanno insieme il gusto, la storia delle materie e l'estetica, con l'idea di gratificare insieme il corpo e la mente.
LA CANTINA

del Ristorante


Per accompagnare il nostro menù proponiamo una carta dei vini che include, accanto ai classici toscani, alcuni piccoli gioielli d’Italia. Estrema attenzione per il territorio e continua ricerca: questi sono i principi che ci hanno ispirato nel selezionare le etichette che compongono la nostra cantina. Per questa ragione, oltre alle strade già battute, abbiamo percorso sentieri ancora inesplorati, alla ricerca di etichette prodotte da piccoli vigneti che, pur essendo meno conosciuti sul mercato meritano, per la qualità dei loro prodotti, eguale riconoscimento.
GLI SPAZI

del Ristorante


E come la cucina segue la stagionalità, anche gli spazi in cui gustare le nostre proposte cambiano con il susseguirsi delle stagioni. D'inverno si mangia intorno al grande tavolo davanti al focolare dell'antica cucina oppure nelle antiche storiche sale da pranzo. In primavera invece ci si sposta nella veranda, mentre d'estate si pranza all'aperto all'ombra dei grandi platani del giardino e si cena godendosi il fresco e l’atmosfera della nuova terrazza.